Settima lezione

GamerGateRed settimaSocial-Game

settimaSocial-Game

 

 

Pornografia nel Search intent

Amazon

Commenti  Gif suggerite

 

Lezione del 9 aprile 2021

sestaFemminicidioMaschicidio

 

Il Magazine on-line multilingue Quartz nel 2018 pubblica un post di Natalie Lung Fuk-yu che nella lingua cinese significa “giada profumata” purtroppo nella lingua inglese Fuk-yu (forma contratta di fuck you – fottiti)

Natalie Lung Fuk-yu, How I learned to live with a name that’s a constant source of humiliation

 

How I learned to live with a name that’s a constant source of humiliation

 

An unfortunate transliteration

 

Come ho imparato a convivere con un nome che è una fonte costante di umiliazione.

Sfortunata traslitterazione [del nome di persona e sfortunata traduzione automatica del pronome personale]

A month into my first semester as an exchange student in the United States, I was at an inter-city bus stop waiting to get to St. Louis. I only mentioned my surname—Lung, pronounced “loong”—when I checked in with the receptionist. It was a quiet Wednesday noon and I was the only customer there.

Un mese dopo il mio primo semestre come studente in scambio negli Stati Uniti, ero a una fermata dell’autobus interurbano in attesa di arrivare a St. Ho menzionato il mio cognome – Lung, che si pronuncia “loong” – solo quando ho fatto il check-in con la receptionist. Era un tranquillo mercoledì a mezzogiorno e io ero l’unico cliente lì.

 

 

Shortly after settling down in the waiting room next door, I heard faint chatter from the office. “She probably knows it’s embarrassing,” the receptionist told a white-bearded guy standing next to him. He burst out in laughter.

Poco dopo essermi sistemato nella sala d’attesa accanto, ho sentito delle deboli chiacchiere dall’ufficio. “Probabilmente sa che è imbarazzante”, disse la receptionist a un tipo con la barba bianca in piedi accanto a lui. Scoppiò a ridere.

 

 

“That’s a she? I can’t un-see that!” the bearded man bawled, his voice echoing against the bare walls, including the glass panel that stood between their office and where I sat.

E’ una lei? Non posso non vederlo urlò l’uomo barbuto, con la sua voce che risuonava contro le pareti spoglie, compreso il pannello di vetro che si trovava tra il loro ufficio e dove ero seduto.

 

 

I froze. Did they just… Were they laughing at me?

Mi bloccai. Hanno appena… Ridevano di me?

 

 

I stared at the bearded guy through the glass. His face dropped, and he slowly backed away to the other end of the room and disappeared. The office was dead quiet.

Fissai il barbuto attraverso il vetro. Il suo volto è caduto (sbiancato ndr), e lui si è lentamente allontanato dall’altra parte della stanza ed è scomparso. L’ufficio era silenzioso.

 

 

I was mortified. For the first time in my life, I was made fun of outside the comfort of my own culture. By strangers who were at least twice my age, and before my very eyes and ears.

Ero mortificato. Per la prima volta in vita mia, sono stato preso in giro al di fuori delle comodità (… ndr) della mia cultura. Da estranei che avevano almeno il doppio della mia età, e davanti ai miei occhi e alle mie orecchie.

 

 

This wasn’t something I had learnt to have patience or forgiveness for. The humiliation overwhelmed any ounce of self-deprecating humor I had.

Non era qualcosa per cui avessi imparato ad avere pazienza o a perdonare. L’umiliazione ha sopraffatto ogni grammo di umorismo autoironico che ho avuto.

 

 

I remained silent in my seat, like the fourth grader I was when my classmate told me my name sounded like a swear word.

Rimasi in silenzio al mio posto, come il bambino di quarta elementare che ero quando il mio compagno di classe mi disse che il mio nome suonava come una parolaccia.

 

 

My name—my given name—is Fuk-yu (馥瑜).

Il mio nome – il mio nome di battesimo – è Fuk-yu (馥瑜).

Call me Natalie

Chiamatemi Natalie

 

 

I was born and raised in Hong Kong, where both Cantonese and English are official languages, thanks to its colonial past. Most official documents and signs are bilingual, including our names on our identification documents.

Sono nato e cresciuto a Hong Kong, dove sia il cantonese che l’inglese sono lingue ufficiali, grazie al suo passato coloniale. La maggior parte dei documenti e dei segni (documenti ndr) ufficiali sono bilingue, compresi i nostri nomi sui documenti d’identità.

 

 

For many Hong Kong people, their English name may be the Romanization of their Chinese name, such as the billionaire Li Ka-shing. Many others choose to adopt a conventional English name like Paul or Mary or, in a famous case, Jackie Chan. Ultimately, it is their choice, or their parents’, to include either or both of those English names on their ID.

Per molti hongkonghesi il nome inglese può essere la romanizzazione del nome cinese, come il miliardario Li Ka-shing. Molti altri scelgono di adottare un nome inglese convenzionale come Paul o Mary o, in un caso famoso, Jackie Chan. In definitiva, è una loro scelta, o dei loro genitori, includere uno di questi nomi inglesi o entrambi sulla loro carta d’identità.

 

 

My parents decided to only include the Romanization of my name, Lung Fuk-yu, on my birth certificate. They wanted to leave the choice to me when I could make changes to my ID at the age of 18. When my mother discovered that I liked dancing to any music that came on TV at an early age, she chose the English name “Natalie,” after the American actress Natalie Wood who starred in the hit musical West Side Story. It was one of many Hollywood movies whose sweethearts and heartthrobs my mother swooned over as a teenager.

I miei genitori hanno deciso di includere solo la romanizzazione del mio nome, Lung Fuk-yu, sul mio certificato di nascita. Volevano lasciare a me la scelta quando avrei potuto modificare la mia carta d’identità all’età di 18 anni. Quando mia madre ha scoperto che mi piaceva ballare su qualsiasi musica che veniva trasmessa in TV in tenera età, ha scelto il nome inglese “Natalie”, come l’attrice americana Natalie Wood, protagonista del musical di successo West Side Story. Era uno dei tanti film hollywoodiani in cui mia madre sveniva da adolescente.

 

 

But Natalie was a lifestyle choice, not a legal name. It doesn’t appear on my ID or other official documents. So my Romanized Chinese name is my legal name, and that has been a source of awkwardness for myself, and others, nearly all my life.

Ma Natalie era una scelta di vita, non un nome legale. Non compare sulla mia carta d’identità o su altri documenti ufficiali. Quindi il mio nome cinese romanizzato è il mio nome legale, e questo è stato fonte di imbarazzo per me e per gli altri, quasi per tutta la vita.

 

 

Before college, I went to an English-language school and always dreaded the first week of class when our teachers would call out our names, as shown on ID, in alphabetical order to take attendance. I always knew when I was about to be called because the teacher’s head would tilt sideways with a slight frown.

Prima del college, sono andato in una scuola di lingua inglese e ho sempre temuto la prima settimana di lezione, quando i nostri insegnanti chiamavano i nostri nomi, come indicato sulla carta d’identità, in ordine alfabetico per prendere la frequenza. Sapevo sempre quando stavo per essere chiamato perché la testa dell’insegnante si inclinava di lato con un leggero cipiglio.

 

 

“Um… Fff.. Fuke?”

Ehm… Fff… Fuke?

 

 

Before they could finish, I waved my hand frantically. “I’m here!”

Prima che potessero finire, ho agitato la mano freneticamente. “Sono qui!”

 

 

“Fook yu? Did I pronounce your name correctly?”

Fook yu? Ho pronunciato correttamente il tuo nome?

 

 

“Just call me Natalie,” I replied as I felt my face turn red. I wanted to apologize to the teacher. This became my coping mechanism.

Chiamami Natalie, risposi mentre sentivo il mio viso diventare rosso. Volevo scusarmi con l’insegnante. Questo è diventato il mio meccanismo di reazione.

 

 

via GIPHY

Video stem-pick Toscana

 

Venerdì 8 aprile 2020

video Venti, FOTO DI TETTE RevengePorn Canale youtube Venti

 

 

 

Lezione sugli algoritmi 2019

House of Cards – gli intrighi del potere

Natalie

comportamento del traduttore attraverso comparazione

natalie

 

ottava lezione 2019

video animato – descrizione di un algoritmo di Cathy O’Neil (saggio su Armi di distruzione matematica)
 
algoritmo

Assi differenziali di potere

Clip ender’s game from canale Video – Almagulp.it on Vimeo.

Fiabe sessiste

12 marzo alla trasmissione TV Presa diretta

 

Simbolico, Rappresentazione
pagina FanPage.it

 

 

Diritti, Rappresentanza Video da Fanpage non più disponibile

 

 

 

Lucido Diritto all’impressione (Parteciaption Gap)

RADIO3–MONDO- al minuto 2,45 (lettera a di Radio)

 

 

Stereotipi e pornografia di genere

 

il corpo delle donne

Stefano Paolillo

 

Mansplaining

 

Lezione sulla gamification ed esempio Youtuber e il gioco RED Dead Redemption 2

YouTuber Shirrakouccide sufraggista

 

 

 

LEGGENDARIA N. 122/2017  Corpi, sguardi, desideri nuovi scenari della pornografia

Pubblicità, stampa, televisione, cinema, fumetti, videogiochi, social media: le immagini veicolate da quella che gli esperti definiscono la “pornosfera”.

video con Giorgia Serughetti – presentazione aprile 2017 Bologna presso libreria Modo Infoshop di via mascarella

 

Stereotipi – Automazione e Robot

Intervento di Barbara Henry – Pisa 2017

 

 Il giapponese 

Hiroshi Ishiguro: “Vi racconto il mio gemello androide”

qualcosa che ci somigliasse a tal punto da entrare in contatto con noi in maniera empatica

 

 

 

 

Sophia e la sua intervista dall’articolo del Fatto quotidiano

 

Arabia Saudita, Sophia è “cittadina onoraria” novembre 2017

 

La conversazione fra due boot spaventa FB e la sopprime

 

La Mappa non è il Territorio – La Cibernetica non è il Cyborg

 

Mappa dal satellite

 

il Territorio

Disastri

 

Quinta Lezione

Cortellesi alla consegna dei David (6 m) “Sono soltanto parole”

settima 2019 Massimo Gramellini

direttore – direttrice d’orchestra

puntata del 6 aprile 2019

 

 

Con Cecilia Robustelli dell’Accademia della Crusca per approfondire i generi delle parole e delle professioni.


.

Convegno a Modena

sesta lezione

il genere nei linguaggi controllati (thesaurus)

livello Europeo

Thesaurus of gender on li

 

IntroThesaurusGenere

 

ListaTecne

 

Inviolabilita_Mthesauro

 

Narrare, narrare una storia

flussi, flussi, flussi

 

il mio Profilo

 

Le “note” su FB di Lea Melandri

https://www.facebook.com/search/top/?q=note%20lea%20melandri

Equivalenze che permangono: Famiglia=Donna=Madre= Figlio

 

Non Una di Meno

insiema a #Metoo >>> 4^ andata femminista

https://nonunadimeno.wordpress.com/

Freeda

Donne Al Potere: le Società Matriarcali nel Mondo

 

 Strumenti di analisi

Identificativo FB

URL

https://www.facebook.com/marzia.vaccari Facebook ID: 1648657429

https://www.facebook.com/nonunadimeno/ Facebook ID: 1863649617188588

https://www.facebook.com/freedamedia/ Facebook ID: 1673669186277733

https://www.facebook.com/lea.melandri Facebook ID:100006778116561

Socialbakers URL https://suite.socialbakers.com

FB – Overview – Femminismo – 2017-05-02

FB – Overview – Centro delle donne di Bologna – 2017-05-02

Paper per esame

Artificial Intelligence una critica femminista

Saggio per esame riassuntivo delle lezioni a.a. 2018/2019

 

ottava lezione 2019

video animato – descrizione di un algoritmo di Cathy O’Neil (saggio su Armi di distruzione matematica)
 
algoritmo